Visita allo stabilimento Fileni, manifesto della sostenibilità. 

Sostenibilità, educazione stradale e stile di vita sano: questi i valori portati sotto i riflettori dalla manifestazione Marcheducate, che ha animato la città di Jesi il weekend dal 6 all’8 maggio scorso. L’iniziativa, pensata da Moromorphosis e rivolta ai giovani, ha visto numerose aziende Made in Italy e personaggi dello spettacolo incontrarsi e confrontarsi sul palco del Pala Triccoli. A fare gli onori di casa, l’azienda marchigiana Fileni che in quanto a sostenibilità si può definire una pioniera. Prima azienda al mondo nel settore delle carni a entrare nella comunità B-corp, si impegna a cambiare il business all’insegna della sostenibilità, rispettando gli animali, la Terra e le persone. 

La visita allo stabilimento Fileni di Jesi 

Venerdì 6 maggio Fileni ha ospitato aziende e giornalisti nello stabilimento di Via Martiri della Libertà, a Jesi. Ad accogliere gli invitati con un pic nic chic Roberta e Massimo Fileni. “Tutte le manifestazioni che hanno un significato e che parlano di sostenibilità e di buon vivere, sono nelle nostre corde”, afferma Roberta Fileni, vicepresidente dell’azienda. Dopo che la conduttrice Susanna Messaggio ha presentato e spiegato l’evento, gli ospiti hanno potuto godersi, comodamente adagiati su tavoli e panche in fieno, un pranzo a base dei prodotti Fileni, preparato dallo Chef Max Santoni. Al termine del pranzo, giornalisti e invitati bardati con camici e copri scarpe, ennesima prova di quanto l’azienda ci tenga alla salute di terremo e capi di allevamento, sono stati condotti all’interno dello stabilimento, in un tour che ha svelato il dietro le quinte di Fileni.

Sostenibilità a 360 gradi

Dai capi di allevamento al terreno nulla è lasciato al caso: ogni cosa è gestita all’insegna della sostenibilità, manifesto dell’azienda. Ogni pollo, allevato all’aperto e a terra, ha a disposizione almeno 4 metri quadri di spazio per muoversi liberamente, mentre negli altri allevamenti lo spazio vitale è ridotto di tre quarti. Non solo, anche il terreno è coltivato in maniera biologica, onde evitare che gli animali, razzolando, ingeriscano agenti chimici e tossici. “In linea con la filosofia che costituisce Marcheducate, Fileni in quanto B-corp rappresenta un esempio di sostenibilità in grado di illuminare questa regione e farla conoscere per la sua bellezza e la sua autenticità”, ha concluso Susanna Messaggio, che con queste parole si è rivolta direttamente a Roberta e Massimo Fileni per il loro importante lavoro sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.