Bologna Capitale della Medicina Estetica del futuro con il Sies 2022

Dopo il blocco forzato, torna quest’anno l’appuntamento con Sies (Società Italiana di Medicina e Chirurgia Estetica) per i professionisti del settore, in programma dal 17 al 19 Febbraio 2022, al palazzo dei congressi di Bologna.

Le ultime novità

Un’occasione che si rinnova dal 1997 e in cui gli specialisti si consultano e dibattono le ultimissime novità dal punto di vista estetico. Come già successo durante le edizioni precedenti, si passerà dalle parole ai fatti: alle relazioni in aula, anche nel 2022, saranno abbinati collegamenti in live con le sale operatorie, sessioni di cadaver lab e collegamenti con esperti internazionali.

Tante le novità presentate in anteprima, spiega la direzione scientifica: una nuova tossina botulinica, che viene preparata non più come polvere, ma già diluita; nuovi filler più duraturi e sicuri. Le aziende, inoltre, proporranno sessioni specifiche dedicate al trattamento di aree come décolleté, braccia, ombelico, e tutte le zone del viso e del corpo dove l’età bussa con anticipo rivelando i primi inestetismi.

Le sessioni scientifiche

Dalla medicina rigenerativa, alle tecniche non chirurgiche di correzione del naso, o di correzione di inestetismi del profilo corporeo, spaziando anche su temi come il cambiamento del rapporto medico-paziente nell’era digitale, sono i temi che saranno affrontati nella tre giorni bolognese.

Il dottor Ivano Iozzo Specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva a Bologna, Coordinatore Scientifico delle Sessioni di Chirurgia Estetica sarà chairman della sessione in programma il 18 Febbraio su tema “Tossina botulinica on e off label: vecchie e nuove indicazioni di dosaggio, diluizione e tecniche personalizzate”. Il dottor Iozzo coordinerà anche il Simposio di Galderma: “Una nuova era nella neuromodulazione: Innovazione, Precisione e Performance.”

La dottoressa Ginevra Migliori medico estetico e chirurgo plastico il 19 Febbraio, interverrà sul tema Esperienza personale di 16 mesi nell’uso di P(LACL) per il ringiovanimento del midface e del terzo inferiore del viso.

Il soft filler biorestitutivo Karisma Face di Taumedika sarà tra i protagonisti del Congresso. “Si tratta di un collagene pronto all’uso, già disponibile in una siringa preriempita che ottimizza l’efficacia dell’acido ialuronico e che rende più facile l’utilizzo da parte del medico”, dice il ceo di Taumedika Filippo Castrogiovanni. Questo soft filler è un’evoluzione della classica biostimolazione, ottenuta grazie a un collagene completamente naturale denominato Neosilk, brevettato da 303 Pharma. “Neosilk oltre ad apportare collagene alla pelle ne stimola la produzione naturale, garantendo sicurezza. I risultati sono eccellenti: il soft filler Karisma è un’opportunità di bellezza e di ringiovanimento davvero tecnologica, dall’efficacia e sicurezza garantite” spiega il professor Sergio Noviello chirurgo estetico e Fondatore della Sergio Noviello Academy.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.