Insetti a colazione: la Ue si prepara a cambiare la nostra dieta

Insetti nel piatto: un gap culturale?

Coleotteri, ragni, scorpioni, grilli e chi più ne ha più ne metta! In paesi come Cina e Tailandia questi insetti costituiscono parte integrante della dieta della maggior parte delle persone. Un pensiero che, per timore o disgusto, non ha sfiorato la mentalità europea per anni.
In Italia tuttavia questa possibilità inizia a prendere piede tra il grande pubblico con Expo 2015 di Milano, con lo slogan Nutrire il pianeta, Energia per la vita alla ricerca di soluzioni innovative in campo Food.
Prima di questa occasione la FAO, agenzia delle Nazioni Unite, inizia ad affrontare il tema dell’entomofagia.
L’obiettivo di questa agenzia è combattere la fame nel rispetto dell’SDG2 dell’Agenda 2030, obiettivo che racchiude in sé la volontà di contrastare i paradossi legati al cibo.

insetti

Perché gli insetti?

Perché rispondono ai requisiti che la legislazione Europea ha introdotto negli anni ’90 con i novel food.
Gli insetti, a fronte dei problemi ambientali causati dal sistema agroalimentare odierno, rappresentano una soluzione a basso impatto e con un apporto nutrizionale altamente consigliato. Sono infatti  ricchi di proteine e il loro allevamento ha un’incidenza sostenibile su suoli ed acque.
Nonostante l’idoneità ideologica, per la legislazione gli insetti sono stati sicuramente un osso duro.
Con proposte disallineate tra i diversi paesi europei nel 2015, finalmente, viene introdotto un regolamento in materia di Novel Food, il Regolamento UE 2283/2015. Quest’ultimo, tuttavia, ad oggi non ha lasciato troppo margine di azione.

4 maggio 2021: via libera dall'Ue!

Insetti

Dopo un iter legislativo complesso e articolato, finalmente l’Ue si prepara a cambiare la nostra dieta. Gli stati membri infatti approvano la proposta della Commissione Europea di autorizzare nuovi alimenti. Tra questi ultimi anche gli insetti, in particolare vermi gialli della farina essiccati.
Via libera anche da parte dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare. Non di meno il tema caldo insetti nel piatto è anche contenuto nella strategia europea “Farm To Fork” dove “ Identifica gli insetti come una fonte proteica alternativa che può sostenere la transizione dell’Ue verso un sistema alimentare più sostenibile”.
Pronti a nuove esperienze? 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *